10 regole green per stare al caldo risparmiando

Comfort, risparmio e sostenibilità sono alla base del decalogo per stare al caldo senza pesare sull’ambiente e sulle spese di casa

 

Quando si parla di efficienza del riscaldamento di casa le questioni principali da affrontare sono: come risparmiare senza rinunciare al giusto calore riducendo l’impatto sull’ambiente.

 

Ecco 10 consigli per avere il massimo del comfort in casa:

 

1. Effettuare regolarmente la manutenzione della caldaia

Un impianto ben regolato consuma e inquina meno. Inoltre chi non effettua la manutenzione del proprio impianto rischia una multa amministrativa che parte da un minimo di 500€, fino a raggiungere un massimo di 3.000 €. In caso di Società o strutture commerciali dotate di un impianto di grandi dimensioni, la multa può arrivare fino a 1.000 €.

6. Fare il check-up alla propria casa

Se la costruzione in cui si abita non rispetta le attuali normative sul contenimento dei consumi energetici, conviene valutare un intervento per isolare le pareti e sostituire serramenti e finestre.

2. Controllare la temperatura degli ambienti

La normativa consente una temperatura fino a 22 gradi, ma 19 gradi sono più che sufficienti a garantire il comfort necessario a vivere bene evitando sbalzi di temperatura troppo grandi tra l’interno e l’esterno.

7. Installare un impianto di ultima generazione

Se la caldaia ha più di 15 anni, conviene valutarne la sostituzione ad esempio con le nuove caldaie a condensazione o a pompe di calore, oppure con impianti integrati dove la caldaia è alimentata con acqua preriscaldata da un impianto solare termico e/o da una pompa di calore alimentata con un impianto fotovoltaico. Per l’installazione si può usufruire delle detrazioni fiscali previste all’interno del Superbonus 110%.

3. Non superare il numero di ore di accensione consentito

Il tempo massimo di accensione giornaliero è indicato per legge e cambia a seconda delle 6 zone climatiche, individuate in base alla temperatura media annuale, in cui è suddivisa l’Italia.

8. Evitare ostacoli davanti e sopra i termosifoni

Collocare tende o mobili davanti ai termosifoni o usare i radiatori come asciuga biancheria disperde calore ed è fonte di sprechi. Inoltre attenzione a non lasciare troppo a lungo le finestre aperte: per rinnovare l’aria in una stanza bastano pochi minuti e si evitano inutili dispersioni di calore.

4. Installare i pannelli riflettenti

Installare pannelli riflettenti tra muro e termosifone aiuta a ridurre le inutili dispersioni di calore, mantenendo il calore anche nelle ore in cui il riscaldamento è spento, così da ridurre le ore di accensione.

9. Installare un termostato intelligente

I cronotermostati consentono di regolare temperatura e il tempo di accensione in modo da regolare il riscaldamento nelle varie ore della giornata e della notte e controllare i consumi e il comfort. I più smart possono essere regolati da app anche dal remoto.

5. Schermare le finestre durante la notte

Chiudendo persiane e tapparelle o mettendo tende pesanti si riducono sensibilmente le dispersioni di calore verso l’esterno.

10. Applicare valvole termostatiche

Le valvole termostati che servono a regolare il flusso dell’acqua calda nei termosifoni. In questo modo si possono evitare sprechi abbattendo i costi in bolletta fino al 20%. Le termovalvole usufruiscono di una detrazione fiscale del 50% se installate durante una semplice ristrutturazione edilizia o del 65% per interventi di efficientamento energetico e/o per la sostituzione di una vecchia caldaia con una ad alta efficienza. Dal 1° luglio 2017 sono obbligatorie per condomini e edifici polifunzionali.